Menu Chiudi

REGOLAMENTO INTERNO

Di seguito il Regolamento Interno di Erre18 – La Casa degli Artisti APS (da ora “l’Associazione”), redatto e approvato dal Consiglio Direttivo in sede di Assemblea Direttiva. Il presente regolamento integra, ai fini organizzativi, lo Statuto dell’Associazione regolando i rapporti tra gli organi interni, gli associati e tra questi e gli enti pubblici o privati, altre associazioni o terzi.

ART. 1: COPERTURA ASSICURATIVA

L’Associazione, iscritta al collettivo AICS, è coperta da polizze assicurative che comprendono RCT (Responsabilità Civile Verso Terzi) e Infortuni. Tutti i soci tesserati avranno come copertura di base lo stesso tipo di copertura dell’Associazione. Per maggiori informazioni si rimanda al sito internet: “www.aicstorino.it/assicurazione/”

ART. 2: LE SEDI

Attualmente l’Associazione dispone di due sedi:

  • SEDE LEGALE: sita in Via Cuneo, 6 – Gassino Torinese (TO) – 10090
  • SEDE OPERATIVA: sita in Via Gaspare Saccarelli, 18 – Torino (TO) – 10144

All’interno della Sede Operativa si svolgeranno tutte le attività associative:

  1. Nella stanza denominata Studio Diretta, andrà in onda la programmazione di Radio ERRE18.
  2. Nelle stanze adibite all’interno della Casa Del Quartiere di San Donato verranno svolte il resto delle attività culturali.

ART. 2.1: CURA DEGLI SPAZI E DEI BENI

Tutti i soci, volontari, collaboratori esterni si impegnano:

  • a mantenere il locale in perfetta efficienza;
  • ad utilizzare il locale, le attrezzature ed i servizi di pertinenza con la massima cura e diligenza;
  • a riconsegnare il locale e le attrezzature funzionanti al termine di ciascun periodo d’utilizzo;
  • ad utilizzare il locale e le attrezzature, esclusivamente per gli scopi prefissati e a non concedere a terzi, ad alcun titolo e per nessun motivo, l’uso dello stesso e delle attrezzature annesse;
  • a non duplicare o cedere ad altri le chiavi di accesso dei locali concessi in uso, se non agli associati selezionati per l’utilizzo attivo;
  • a non apportare trasformazioni, modifiche o migliorie senza una richiesta o approvazione da parte del Consiglio Direttivo;
  • a rispettare lo svolgimento dell’attività del Concedente all’interno della struttura ospitante.

Ad una violazione di uno o più dei punti precedenti, il Consiglio del Direttivo si avvarrà di espellere il socio e richiedere un risarcimento danni.

ART. 3: I LOGHI

Il logo ufficiale dell’Associazione è la frase seguente: “ERRE18 – La Casa degli Artisti APS”; e una rana con indosso delle cuffie. Tutti i diritti sono riservati.

ART. 4: PIATTAFORME WEB

Il sito internet ufficiale attraverso il quale si può raggiungere l’Associazione, visionare tutte le informazioni pubbliche richiedere e, per i soci accedere alla propria area privata è il seguente:

 

WWW.ERRE18.COM

 

Si può interagire con l’Associazione tramite i seguenti canali social:

  • Facebook: ERRE18: La Casa degli Artisti APS
  • Instagram: erre18aps

Il Consiglio Direttivo si riserva per il futuro di modificare o creare nuovi account, previa autorizzazione. Il sito web è uno degli strumenti principali con cui l’Associazione intende pubblicizzare la sua azione e tenere contatti con i soci. E’ cura del Consiglio Direttivo, o di membri opportunamente designati da esso, gestire ed aggiornare i contenuti del sito internet e dei canali social dell’Associazione.

Il Consiglio Direttivo, o membri opportunamente designati da esso, è responsabile di tutti gli strumenti mediatici (Internet, posta elettronica, social, etc.), ne possiede le password di accesso, è amministratore di tali strumenti e ne modera i contenuti e le discussioni.

Tale responsabilità può essere delegata dal Consiglio Direttivo ad uno o più Soci, anche per un periodo continuativo. La responsabilità, in caso di delega, è del Socio designato dal Consiglio Direttivo.

ART. 5: ANNO SOCIALE

L’Anno Sociale dell’Associazione parte da gennaio di ogni anno e termina a dicembre dello stesso. L’Anno Sociale per il tesseramento è di 365 giorni a partire dalla data di conferma della sottoscrizione del tesseramento.

ART. 6: CONSIGLIO DIRETTIVO

L’Associazione è rappresentata e gestita dal Consiglio Direttivo, che ha potere decisionale sulle scelte organizzative e gestionali dell’associazione, nel rispetto della sovranità dello Statuto e dell’Assemblea degli Associati, e se ne fa carico. L’elezione del Presidente, Vicepresidente e Segretario verrà effettuata ogni 5 anni come riportato nello Statuto. Mentre l’elezione dei Consiglieri può avvenire più frequentemente durante l’anno sociale.

ART. 6.1: PRESIDENTE

Il Presidente assieme al Vicepresidente e al Segretario, rappresenta l’Associazione e cura il rapporto con le altre associazioni e organizzazioni private e pubbliche. Ha la firma sociale valida per qualsiasi operazione di compravendita o di qualsiasi altra natura a nome dell’Associazione.

Il Presidente presiede qualsiasi tipo di Assemblea ed esercita tutte le funzioni demandategli dal Consiglio Direttivo. Propone e indirizza la politica gestionale e sociale dell’Associazione, sovrintende alle attività dei Consiglieri e collabora con loro nello svolgimento delle mansioni. Nell’esercizio delle sue funzioni, può nominare dei referenti, tra i membri del Consiglio Direttivo ovvero tra i soci dell’Associazione, ai quali attribuire particolari incarichi. In tal caso i consiglieri nominati si assumeranno la responsabilità degli incarichi da loro svolti.

In caso di assenza o impedimento del Presidente, tutte le sue mansioni spettano al Vice Presidente, o ad altro componente del Direttivo nominato.

Il Presidente viene eletto ogni 5 anni, come riportato sullo Statuto. Può essere eletto Presidente ciascun Consigliere che sia socio da almeno un anno e sia nominato dai membri del Consiglio Direttivo.

ART. 6.2: ALTRE CARICHE DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo può essere composto dalle differenti Tipologie dei Soci (ART. 8) e sarà composto oltre dal Presidente, quindi dalle seguenti figure:

  • Vicepresidente: è un rappresentante dell’Associazione e come tale, cura il rapporto con le altre associazioni e organizzazioni private e pubbliche. In assenza del Presidente, fa le sue veci, svolgendo tutte le funzioni e le responsabilità proprie del Presidente per gli atti da lui deliberati.
  • Segretario: è nominato dal Consiglio Direttivo tra i Consiglieri eletti. Organizza la Segreteria, gestendo con il Presidente il database dei Soci, ed espleta funzioni di Segretario Verbalizzante, controllando le utenze e curando i rapporti con gli incaricati preposti al loro funzionamento.

Nel caso di impossibilità del Presidente a svolgere o delegare le sue funzioni, per gravi motivi familiari, malattia o morte, il Segretario indirà immediatamente una riunione dell’Assemblea dei Soci per la elezione del nuovo Presidente. Il Segretario coadiuva il Presidente e rende esecutive le delibere del Consiglio Direttivo. Redige i verbali dell’Assemblea dei soci e delle riunioni del Consiglio Direttivo. Aggiorna, unitamente al Presidente, il libro dei soci, i cui dati vanno custoditi in conformità alla normativa in materia di tutela della privacy. Provvede ad inviare le convocazioni delle Assemblee e delle riunioni del Consiglio Direttivo.

  • Tesoriere: cura la gestione della cassa e la contabilità dell’Associazione, nonché la tenuta dei libri sociali contabili e di quelli fiscali se previsti. Redige il bilancio di previsione e il bilancio o rendiconto consuntivo. Redige l’inventario dei beni associativi, vigila sulla regolarità delle riscossioni e dei pagamenti secondo le indicazioni del Presidente e le deliberazioni del Consiglio Direttivo. I bilanci o rendiconti consuntivi, approvati di anno in anno, sono a disposizione dei soci, in sede.

Insieme al Presidente, il Tesoriere ha facoltà di gestione dei conti correnti legati all’Associazione.

Il Tesoriere risponde sotto ogni aspetto giuridico, unitamente al Presidente, per ogni controversia legata all’amministrazione economica, ai bilanci e ai rendiconti. In caso di assenza o impedimento del Tesoriere le mansioni economico-amministrative vengono trattate esclusivamente dal Presidente.

Ove necessario il Tesoriere potrà essere una carica svolta dallo stesso Segretario.

  • Consigliere: questa figura consiglia il Presidente e propone migliorie alle attività già esistenti o ne propone di nuove. Svolge le mansioni che gli vengono assegnate dal Presidente e/o dal resto del Consiglio Direttivo. Ogni nuova iniziativa dei consiglieri, o dei soci, deve essere prima approvata dal Presidente e/o dal Consiglio Direttivo.

È consigliabile che il numero di Consiglieri porti il Consiglio Direttivo ad un numero minimo pari a 7.

ART. 6.3: ELEZIONI DIRETTIVO

Potranno essere eletti nel Direttivo i soci iscritti da almeno 1 anno, a patto che non abbiano alcun incarico politico, né siano candidati ad elezioni politiche di qualsiasi livello. Possono essere eletti iscritti appartenenti ad altre associazioni con cariche minori e solo se in assenza di conflitto d’interesse.

ART. 6.4: SOSTITUZIONE/INTEGRAZIONE MEMBRO CONSIGLIO DIRETTIVO

Nel caso in cui si presenti la necessità di sostituire o integrare un membro del Consiglio Direttivo, il Presidente indirà un’Assemblea del Direttivo durante la quale verrà presa la decisione di sostituzione e/o l’integrazione di un membro.

ART. 6.5: DIMISSIONI CARICHE PRINCIPALI

  • In caso di dimissioni del Presidente il Vicepresidente garantirà la copertura della carica fino alla rielezione di un nuovo Presidente.
  • In caso di dimissioni del Vicepresidente è il Tesoriere che ne assume pro tempore la carica fino a nuova elezione.
  • In caso di dimissione del Tesoriere è il Segretario che ne assume la carica pro tempore fino a nuova elezione.
  • In caso di dimissioni del Segretario è il Tesoriere che ne assume pro tempore la carica fino a nuova elezione. In caso di vacanza della carica di Segretario per mancanza di soci che ne vogliano assumere l’impegno, il Tesoriere avrà funzioni di Segretario fino a nuova nomina.
  • In caso la figura del Segretario e del Tesoriere coincidano, il Consiglio Direttivo può nominare tra i Consiglieri, una figura che sia atta e che accetti a svolgere temporaneamente le suddette mansioni.

Per la convocazione d’assemblea straordinaria si vedano le norme contenute nello Statuto e nel Regolamento.

ART. 7: TIPOLOGIE DI ASSEMBLEE

Le due tipologie di assemblea all’interno dell’Associazione sono l’Assemblea degli Associati e l’Assemblea del Consiglio Direttivo.

ART. 7.1: ASSEMBLEA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

È l’assemblea a cui possono partecipare solo i membri del Consiglio Direttivo. L’Assemblea può essere Ordinaria o Straordinaria, ed è sempre presieduta dal Presidente o in sua assenza dal Vicepresidente ed in assenza dal Segretario.

L’Assemblea del Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del Presidente e quando ne sia fatta richiesta da almeno uno dei suoi membri, o in caso straordinario. E comunque almeno una volta ogni trimestre dall’inizio dell’anno sociale per deliberare in ordine al compimento degli atti fondamentali della vita associativa.

Il Consiglio Direttivo deve, oltre a quanto indicato nello Statuto:

  • redigere, definire, integrare e approvare i programmi di attività sociale previsti dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall’assemblea del Consiglio Direttivo;
  • compilare i progetti per l’impiego del residuo del bilancio da sottoporre all’assemblea;
  • coordinare qualunque aspetto delle attività dei soci all’interno dei progetti dell’Associazione e favorire la partecipazione dei soci all’attività dell’Associazione;
  • stipulare tutti gli atti e i contratti di ogni genere inerenti all’attività sociale;
  • sorvegliare l’esecuzione delle deliberazioni dell’assemblea;
  • approvare il bilancio e il rendiconto economico-finanziario dell’anno trascorso;
  • formulare il regolamento interno dell’Associazione;
  • deliberare circa l’ammissione, la sospensione, la radiazione, e l’espulsione dei soci;
  • eleggere i sostituti dei membri del Consiglio Direttivo eventualmente dimissionari;
  • vigilare sull’andamento dell’Associazione e sul proseguimento degli scopi dell’Associazione stessa;
  • deliberare sulle responsabilità dei Consiglieri;
  • deliberare su ogni altro argomento di carattere ordinario e di interesse generale posto all’ordine del giorno.

I Soci Fondatori che non ricoprono alcuna carica nel Consiglio Direttivo possono decidere se partecipare alle Assemblee del Consiglio Direttivo, ma non vi è nessun obbligo esplicito.

ART. 7.2: ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI

L’Assemblea degli Associati può essere convocata dal Presidente, dal Consiglio Direttivo o da almeno un quinto dei Soci Ordinari (ART.10) in regola con i pagamenti e ne è inviata informazione a tutti i Soci tramite e-mail, lettera cartacea non raccomandata o pubblicazione dell’avviso sulla pagina web nella sezione privata, o tramite il portale AICS dell’Associazione, almeno 7 giorni prima del giorno previsto. L’Assemblea di tipo Ordinario deve essere convocata almeno una volta all’interno dell’anno associativo. L’Assemblea di tipo Straordinario ogni qualvolta lo si ritenga necessario, date le premesse di cui sopra.

L’avviso deve contenere le seguenti informazioni della prima e della seconda convocazione:

  • Luogo, data e ora
  • Ordine del Giorno

L’Assemblea degli Associati Ordinaria svolgerà i seguenti compiti:

  • prendere visione dei programmi, progetti, attività e rendiconti dell’attuale e del successivo Anno Associativo, redatti e approvati dall’Assemblea del Consiglio Direttivo;
  • sollevare questioni a riguardo se non d’accordo con le decisioni prese dall’Assemblea del Consiglio Direttivo o sull’andamento dell’Associazione stessa;
  • sottoporre spunti e nuove idee al Consiglio Direttivo;
  • sottoporre nuovi Soci ad entrare a far parte del Consiglio Direttivo;

L’Assemblea Ordinaria è validamente costituita in prima seduta con la presente, diretta o per delega, in prima convocazione del 50% più uno dei Soci Ordinari, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei Soci Ordinari o in delega.

Si può delegare solo e soltanto un altro Socio Ordinario in regola con i pagamenti, deve essere conferita necessariamente per iscritto ciascun Socio Ordinario può essere latore di una sola delega.

L’Assemblea Straordinaria, presieduta dal Presidente, convocata per modificare l’Atto Costitutivo e lo Statuto è validamente costituita con la presenza di almeno tre quarti dei Soci Ordinari e delibera con la maggioranza del 50% più uno dei presenti. Non è consentito il voto in delega. L’Assemblea Straordinaria delibera lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio con il voto favorevole di almeno tre quarti dei Soci Ordinari.

Qualora il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno potranno partecipare anche i Soci Sostenitori tramite una semplice pubblicazione della convocazione sulle piattaforme web dell’Associazione. In ogni caso non viene loro riservato il diritto di ricevere convocazione, né l’intervento né di voto.

ART. 7.3: MODALITÀ DI VOTO

Durante l’Assemblea del Consiglio Direttivo, possono intervenire tutti i presenti, ma hanno diritto di voto solo i membri del Consiglio Direttivo.

Sono previste due modalità di voto:

  • Nominale: il Presidente richiede di rispondere esplicitamente la preferenza al quesito posto, per alzata di mano. Il Segretario procede al conteggio che viene comunicato al Presidente, il quale provvede a dichiarare l’esito della votazione.
  • Segreto: il Segretario prepara e distribuisce le schede per la votazione, contenenti ognuna un quesito all’ordine del giorno, enumerando le possibili scelte. Al termine le schede vengono raccolte dal Segretario che procede allo spoglio pubblico e al conteggio. Il Presidente dichiara infine l’esito della votazione.

Si vota con modalità Nominale per l’approvazione dei bilanci e delle mozioni, con modalità Segreta per eleggere le cariche sociali. Il Presidente si riserva di decidere quale modalità adottare per le decisioni assembleari negli altri casi.

La maggioranza è data dal 51% del Consiglio Direttivo.

Durante l’Assemblea degli Associati, sia di tipo Ordinario che Straordinario possono intervenire e hanno diritto di voto tutti i Soci Fondatori, membri del Consiglio Direttivo e Soci Ordinari presenti secondo l’ART. 7.1.

Anche in questo caso sono previste le medesime modalità di voto come sopra. La maggioranza è data dal 51% dei votanti.

ART. 7.5: VERBALE ASSEMBLEA

Una copia del verbale di ogni seduta, firmato dal Segretario e dal Presidente, viene conservato dal Segretario ed archiviato nel Libro Verbali Assemblea. Il verbale deve indicare il giorno, l’ora e il luogo, il numero dei presenti nonché il sunto della seduta e deve essere a disposizione di tutti i Soci che ne facciano richiesta.

ART. 8: TIPOLGIE SOCI

Vi sono quattro categorie di soci:

  • Fondatori: coloro che hanno partecipato alla costituzione dell’Associazione e che versano annualmente la quota associativa;
  • Ordinari: tutto coloro che versano annualmente la quota associativa stabilita, potendo usufruire dei servizi che l’Associazione offre e partecipare alle attività che vengono da essa organizzate;
  • Volontari: tutti coloro che versano annualmente la quota associativa stabilita, e, oltre a usufruire dei servizi e a partecipare alle attività proposte dall’Associazione, garantiscono la loro disponibilità, da concordare in fase di adesione, a collaborare come volontari nell’organizzazione delle attività sociali;
  • Sostenitori: tutti coloro che aderiscono all’Associazione, in qualità di sostenitori, tutte le persone che, condividendone gli ideali, danno un loro contributo economico nei termini stabiliti. I sostenitori non hanno diritto di elettorato attivo e passivo.

ART. 8.1: DOMANDA ISCRIZIONE SOCIO

La Domanda di Iscrizione Socio può essere effettuata con le diverse modalità elencate di seguito:

  • scaricando il modulo e inviandolo compilato e firmato all’indirizzo mail: diventasocio@erre18.com;
  • scaricando, compilando, firmando e consegnando il modulo durante una delle attività associative.

ART. 8.2: QUOTA ASSOCIATIVA

La Quota Associativa annuale con la quale il Socio sosterrà l’Associazione e potrà partecipare alle attività è di:

  • 55,00 € per i Soci Fondatori;
  • 10,00 € per i Soci Ordinari minori;
  • 15,00 € per i Soci Ordinari e Volontari maggiorenni;
  • 150,00 € per tutti i Soci Ordinari e Volontari che durante il tesseramento, si iscrivono direttamente ad uno dei Corsi di Formazione a scelta.

ART. 8.3: AMMISSIONE SOCI

L’ammissione a socio prescinde da qualsiasi pregiudizio di sesso, nazionalità, confessione religiosa o ideologia politica.

L’Ammissione del Socio viene decisa inappellabilmente dal Consiglio Direttivo, sentiti il parere del Presidente dell’Associazione ed espletati gli accertamenti del caso. In caso di non ammissione il Consiglio Direttivo deve fornire la motivazione del rifiuto.

Al nuovo Socio saranno fornite le seguenti:

  • accesso all’app AICS 2.0;
  • accesso a tutte le convenzioni AICS (vedi Art. 8.7);
  • tessera personale dell’Associazione, rilasciata da AICS;
  • accesso alle attività svolte dall’Associazione secondo i termini delle stesse.

Per il trattamento dei dati personali si rimanda al ART.12 del presente Regolamento.

ART. 8.4: DURATA ISCRIZIONE

L’Iscrizione a Socio dell’Associazione ha validità di 365 giorni a partire dalla conferma di ammissione.

ART. 8.5: REGOLE SOCI

I Soci, che all’atto dell’adesione hanno accettato lo Statuto e il presente Regolamento Interno dell’Associazione, sono invitati a partecipare attivamente alla vita della stessa al fine di garantirne la crescita.

 

I Soci hanno diritto a:

 

  • partecipare a tutti gli eventi promossi dall’Associazione, nel rispetto delle modalità stabilite dal responsabile di ogni singola iniziativa;
  • proporre al Consiglio Direttivo progetti o iniziative compatibili con le finalità e nelle modalità previste dallo Statuto, al fine di essere approvati ed eventualmente messi in atto;
  • fare uso dei servizi e delle attrezzature dell’Associazione, nei tempi e modi stabiliti dal Presidente e dal Segretario secondo l’ART. 2.1;
  • L’accesso alla stanza denominata Studio Diretta e l’utilizzo dell’attrezzatura in essa contenuta è concesso solamente sotto supervisione del personale qualificato;
  • ottenere sconti per l’acquisto di prodotti o servizi con eventuali Aziende che hanno raggiunto convenzioni con l’Associazione.

Ogni Socio è tenuto ad un comportamento corretto e virtuoso, nel pieno rispetto dello Statuto, dei regolamenti e delle Leggi vigenti e a non creare alcun problema di ordine pubblico.

L’Associazione non si ritiene responsabile in alcun modo dell’operato, da parte di soci, conseguente a iniziative personali e privo del consenso scritto del Presidente o del Consiglio Direttivo.

 

Come riportato nell’ART. 2.1, i Soci sono tenuti a curare la pulizia e la vivibilità degli spazi in cui si svolgono le attività dell’Associazione e a mantenere integri i beni acquistati successivamente alla data di costituzione. Ogni Socio si assume la responsabilità, nel caso non sia coperto dalla polizza assicurativa dell’associazione, per ogni danno recato a cose, persone o spazi inerenti all’Associazione, anche esterni alla sede, ove hanno luogo le iniziative promosse dalla stessa, se direttamente e inequivocabilmente imputabili alla propria persona. In caso di danneggiamento o degrado dei suddetti spazi o beni e in presenza di chiare responsabilità individuali, il Consiglio Direttivo ha facoltà di imporre al Socio inadempiente il ripristino della situazione iniziale addebitando le spese a carico del Socio stesso. In caso di reiterata incuria o inadempienza, il responsabile potrà essere dichiarato decaduto dalla qualità di socio in presenza di un voto dell’Assemblea, previa proposta del Consiglio Direttivo.

 

ART. 8.6: MEZZI COMUNICAZIONE AI SOCI

La mailing-list è il mezzo principale attraverso il quale vengono fatte le comunicazioni fra i Soci, inclusa la convocazione per le assemblee. Ove un Socio sia impossibilitato a ricevere tali comunicazioni per via telematica, deve fare espressa richiesta di riceverle per posta normale o per altra via specificata.

Per i Soci è attiva una mailing-list: la richiesta di inserimento (automatico al momento dell’iscrizione) può essere effettuata inviando una mail all’indirizzo diventasocio@erre18.com, specificando che si desidera ricevere le comunicazioni e la newsletter dell’associazione. Per porre fine al servizio, è sufficiente inviare una mail allo stesso indirizzo inserendo nel titolo: CANCELLAZIONE.

Per informazioni, proposte o richieste di chiarimento è possibile rivolgersi al medesimo indirizzo mail che ha anche valore istituzionale.

 

Rientrano nei mezzi di comunicazione pubblica il sito web, i canali social (vedi ART. 4), l’applicazione AICS 2.0.

 

ART. 8.7: PRESTAZIONI A BENEFICIO DEI SOCI

I Soci iscritti all’Associazione, possono usufruire degli sconti e delle convenzioni AICS. Per maggiori informazioni visitare la sezione “Convenzioni” sul sito di www.aicstorino.it e www.aics.it

ART. 8.8: INCARICHI SOCI

Il Consiglio Direttivo ha facoltà di affidare incarichi a Soci che abbiano manifestato la disponibilità ad un impegno maggiore nella vita dell’Associazione. Tali incarichi hanno carattere temporale limitato e possono prevedere un rimborso economico in casi di particolare impiego di tempo e risorse da parte del socio incaricato.

 

ART. 8.9: SPESE RIMBORSABILI

Le spese che i Soci sostengono nello svolgimento delle proprie funzioni devono essere preventivamente autorizzate dal Consiglio Direttivo. Sono rimborsabili tutte le spese previste dal Consiglio Direttivo, per le quali venga prodotta la seguente documentazione dal Socio richiedente:

  • scontrini e ricevute fiscali, fatture (intestate ad “Erre18 – La Casa Degli Artisti APS”);
  • biglietti aerei, bus, treno;
  • pedaggi autostradali.

Per usufruire del rimborso spese, gli aventi diritto dovranno presentare al Consiglio Direttivo il modulo di rimborso spese (preparato dal Consiglio Direttivo) con allegate le eventuali fatture intestate all’Associazione e la documentazione necessaria. Il modulo di rimborso spese e tutti gli allegati saranno conservati per il tempo previsto dalla legge dal Tesoriere per il resoconto annuale e per tutte le verifiche necessarie.

Eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli aventi diritto e il Consiglio Direttivo, dovranno essere discusse dallo stesso.

Possono richiedere il rimborso spese tutte le Tipologie di Soci, tranne i Soci Volontari e i Soci Sostenitori.

ART. 8.10: PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Premesso che l’elezione a membro del Consiglio Direttivo non autorizza il Socio a venire meno ai doveri previsti dallo Statuto e dal Regolamento, ne deriva che qualsiasi iscritto sia egli Socio o membro del Consiglio Direttivo, commettendo una o più trasgressioni, può essere inquisito dal Consiglio Direttivo stesso.

I provvedimenti disciplinari nei confronti dei Soci spettano al Direttivo e sono:

  • Richiamo scritto o in sede di Assemblea;
  • Sospensione da otto a trenta giorni;
  • Cancellazione per morosità;
  •  Espulsione

Il Richiamo scritto o in sede di Assemblea verrà applicato in caso di trasgressione lieve.

La Sospensione verrà applicata, con un minimo di otto ad un massimo di trenta giorni, al Socio che turbi l’attività sociale, senza peraltro impedire o pregiudicare gravemente la realizzazione dei fini sociali; il Consiglio Direttivo delibera con votazione a scrutinio segreto, e con maggioranza dei 2/3 (due terzi) dei presenti.

La Cancellazione per morosità viene decretata dal Consiglio Direttivo quando il Socio non versi la quota di rinnovo sociale entro il termine di giorni 30 (trenta) dalla scadenza prevista dal termine fissato nel giorno 31 gennaio di ogni anno senza un motivo ritenuto valido dal Consiglio Direttivo.

 

Il Consiglio Direttivo decide l’espulsione di un Socio:

  • quando accerti che il soggetto con il proprio comportamento pregiudichi gravemente l’attività sociale o l’integrità morale dell’Associazione;
  • quando si accerti l’indegnità dipendente dalla perdita dei diritti civili, in seguito a sentenza penale di condanna concernente un delitto passata in giudicato per cui non sia concesso il beneficio condizionale della pena ed il beneficio della non menzione nel casellario giudiziario;
  • talora si ritrovi affetto da gravi malattie mentali che menomino la capacità di intendere e volere;
  • qualora compia atti anche non diretti contro l’associazione che contrastino o turbino gravemente l’attività sociale, o pregiudichino comunque il conseguimento degli scopi statutari;
  • qualora sia assente ingiustificato per più di tre convocazioni. Tale comportamento comporta, inoltre, il decadimento delle cariche sociali, compresa quella del Presidente, determina e delibera l’impossibilità di rielezione.

Il Socio colpito dal provvedimento di espulsione non potrà rivestire in seguito cariche sociali se non siano decorsi almeno 3 anni dalla data di espulsione.

Il Consiglio Direttivo delibera in merito all’espulsione, con votazione segreta e annotazione sul Libro dei Soci. Contro la decisione del Direttivo, il socio può ricorrere per iscritto, entro giorni 10 (dieci) dalla delibera. Il reclamo proposto dal socio nei confronti dei provvedimenti di sospensione, o di espulsione non producono sospensione dei provvedimenti.

 

ART. 8.11: RESCISSIONE ISCRIZIONE

Ogni associato può disdire la propria iscrizione dall’Associazione in ogni momento.

La richiesta di rescissione del proprio tesseramento va comunicata per iscritto (raccomandata A/R) al Presidente oppure inoltrando un messaggio di posta elettronica all’indirizzo: diventasocio@erre18.com, con ricevuta di lettura.

In ambo i casi sarebbe opportuno specificare le motivazioni della scelta. I Soci che disdicono la loro iscrizione non hanno alcun diritto al rimborso della quota versata, come pure alcun diritto di quota sul patrimonio sociale. Il Socio, in sede di abbandono, dovrà motivare al Consiglio Direttivo la sua scelta.

ART. 9: ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Le Attività Istituzionali ricorrenti potranno essere regolate, se necessario, da apposite norme attuative a cura del Consiglio Direttivo, norme che saranno rese pubbliche sul sito web e nel Regolamento Interno.

Le attività di carattere eccezionale, transitorio o particolare potranno essere affidate dal Consiglio Direttivo anche a Soci non facenti parte del Consiglio Direttivo stesso.

 

ART. 9.1: PROGRAMMA PROGETTI e ATTIVITA’

Il Programma dei Progetti e delle Attività viene redatto dal Direttivo e presentato all’Assemblea degli Associati. Contiene un elenco di iniziative, progetti, eventi e collaborazioni da realizzare durante l’anno.

In esso sono contenute anche le proposte di commissioni di lavoro per razionalizzare il lavoro ed organizzare meglio gli interventi.

Il programma non è rigido, quindi le attività previste e le commissioni istituite possono essere integrate durante l’anno.

Per accedere ad eventuali attività a pagamento offerte dall’Associazione bisogna essere obbligatoriamente iscritti all’Associazione stessa.

 

ART. 9.3: GESTIONE DEI PROGETTI

Ad ogni iniziativa derivante dalla attività dell’associazione vi sarà uno o più Referenti di turno scelti fra i componenti del Consiglio Direttivo.

Se nessun membro del Consiglio Direttivo può essere presente, sarà designata da parte dello stesso, anche per un periodo continuativo, un’altra persona fra i Soci.

Il Referente controlla l’andamento dell’iniziativa e decide su ogni controversia di qualsiasi natura che dovesse insorgere tra i soggetti interessati, se necessario interpellando il Consiglio Direttivo.

Ogni Socio ha la possibilità di partecipare a qualsiasi tipo di manifestazione organizzata o promossa dall’Associazione ed ha il diritto di essere informato, in tempi consoni, delle iniziative organizzate.

Alcune iniziative possono prevedere una quota di iscrizione a parziale o totale copertura delle spese sostenute. Il Referente dell’iniziativa si fa carico, previa approvazione del Consiglio Direttivo, di stabilire tale quota e le modalità di partecipazione. Tale quota dovrà essere comunque sottoposta all’approvazione del Consiglio Direttivo. Il Socio designato, in qualità di Referente, ha la totale responsabilità delle azioni e decisioni prese durante il progetto/evento/iniziativa/servizio di cui è a capo.

 

ART. 9.4: ISCRIZIONE CORSI DI FORMAZIONE

Le iscrizioni ai corsi sono accettate, inviando una richiesta tramite il sito ufficiale, o portando richiesta scritta al Referente del Corso di Formazione scelto. L’iscrizione si ritiene perfezionata solo con il versamento del contributo richiesto al socio per la partecipazione secondo le modalità ed entro i termini stabiliti annualmente dal Consiglio Direttivo dell’Associazione ed indicati nei “Termini e Condizioni” allegati al modulo di iscrizione ai corsi.

I Corsi di Formazione collettivi sono a numero chiuso, e per poter partire si richiede un minimo di 10 partecipanti. Nel caso non si raggiungesse tale dato entro la fine dell’Anno Associativo, il Socio potrà scegliere se posticipare la partecipazione all’anno successivo, cambiare Corso di Formazione, oppure richiedere la quota.

Le richieste di iscrizione che non vengono accettate per mancanza di disponibilità sono inserite in una lista di attesa redatta per ordine di data di presentazione. Del predetto inserimento viene data comunicazione agli interessati dal Referente del Corso di Formazione.

È possibile iscriversi ai Corsi di Formazione già iniziati, ma non sono concesse riduzioni sul contributo richiesto al Socio per la partecipazione, che deve essere versata per intero. In tal caso, però, compatibilmente con le esigenze organizzative dell’Associazione e nel rispetto dei diritti degli altri associati, il Referente del Corso di Formazione, fornirà documenti in modo che il Socio possa allinearsi al programma.

Tutti i pagamenti devono essere effettuati anticipatamente. Non sono previsti rimborsi relativamente ai pagamenti effettuati; il ritiro, l’assenza all’inizio del Corso o l’abbandono anticipato del medesimo, non danno alcun diritto di rimborso.

 

ART. 9.5: SVOLGIMENTO CORSI DI FORMAZIONE

La frequenza ai Corsi, avviene all’interno della Casa Del Quartiere di San Donato, presso Via Gustavo Saccarelli 18, nella città di Torino, e per la natura degli stessi e per favorire il raggiungimento degli obiettivi prefissati, dipende dal tipo di Corso di Formazione. Eventuali discrepanze rispetto allo stesso vengono prontamente comunicate verbalmente, e utilizzando i mezzi di Comunicazione ai Soci.

L’orario e le giornate dei Corsi di Formazione sono stabiliti annualmente dal Consiglio Direttivo dell’Associazione e comunicati agli interessati, nonché pubblicati sul sito web dell’Associazione.

E’ possibile richiedere lezioni individuali al Docente del Corso di Formazione.

Le presenze vengono segnate all’inizio di ogni lezione, in modo da monitorare costantemente la situazione di ogni singolo studente.

In caso di assenze programmate, gli studenti (o chi esercita la potestà genitoriale sul minore) dovranno darne preventiva comunicazione al Docente del Corso di Formazione di persona, via e-mail o telefonicamente entro, le 48 ore precedenti la lezione.

La necessità di comunicazione preventiva così come previsto al precedente articolo è altresì valida in caso di ingresso in ritardo o di uscita anticipata.

A seconda di ogni corso di formazione, verrà specificato la percentuale di lezioni perse (tra il 10% e il 30% del monte ore).

Se un Associato minorenne manifesta malessere fisico durante la sua permanenza all’interno dei locali dell’Associazione o durante la partecipazione ad un’iniziativa/evento organizzato dall’Associazione, il genitore/tutore è prontamente avvisato. Sarà cura dell’esercente la potestà genitoriale organizzare il ritiro del minore.

In caso di infortunio, lo staff dell’Associazione fornirà il primo soccorso. Se l’infortunato dovesse richiedere cure specifiche, le autorità mediche verranno tempestivamente informate assieme ai genitori/tutore dell’associato minorenne.

 

ART. 10: MEZZI FINANZIARI

I Mezzi Finanziari dell’Associazione sono depositati, come da Statuto, su conti correnti bancari e/o postali, intestati all’Associazione, che il Presidente pro-tempore della stessa è autorizzato ad attivare, previa comunicazione al Consiglio Direttivo.

L’utilizzo di tali conti correnti, per i quali sono abilitati, oltre al Presidente e il Tesoriere, deve avvenire con firma abbinata di due delle persone ricoprenti le cariche sopra citate.

 

ART. 11: RAPPORTI CON L’ESTERNO

L’Associazione si riserva di stipulare accordi di collaborazione, convenzioni e sponsorizzazioni con aziende o enti pubblici o privati, per eventi occasionali o in modo continuativo.

 

ART. 11.1: DONAZIONI

La somma delle Donazioni, elargite in cambio di spazio pubblicitario in eventi e manifestazioni (fisico o virtuale) o di spazio espositivo presso gli spazi dell’Associazione, sarà contrattata volta per volta dal Consiglio Direttivo.

L’Associazione si riserva di stipulare accordi di pubblicità con aziende o enti pubblici o privati, per eventi occasionali o continuativi. La somma delle Donazioni, elargite in cambio di spazio pubblicitario in eventi e manifestazioni (fisico o virtuale) o di spazio espositivo presso gli spazi dell’Associazione, sarà contrattata volta per volta dal Consiglio Direttivo.

I Contributi Liberali sono ritenuti tali quando sostengono un progetto, un evento o una necessità dell’Associazione senza avere in cambio un servizio, un bene o una prestazione. Possono essere erogati sia da Soci che da non Soci, aziende, enti e/o professionisti, sia sotto forma monetaria che di prestazione gratuita di opera.

 

ART. 11.2: COLLABORATORI

Qualora l’Associazione, per le proprie attività, si avvalga della collaborazione e/o della prestazione d’opera di persone o aziende/professionisti esterno alla stessa, potrà essere previsto un rimborso (con pezze giustificative) o compenso (con fattura o prestazione occasionale) quantificabile in proporzione al lavoro svolto. Tutte le collaborazioni esterno dovranno essere preventivamente deliberate dal Consiglio Direttivo.

ART. 12: TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Il registro degli associati viene conservato nel rispetto delle vigenti normative sul trattamento e la tutela dei dati personali (D.Lgs. 196/03). Il titolare del trattamento è l’Associazione nella persona del legale rappresentante presidente Costantino Meloni.

I dati personali dei soci saranno conservati e trattati esclusivamente per uso interno e non verranno forniti a terze parti in alcun caso, ad eccezione delle Pubbliche Autorità alle quali, su richiesta, dovranno essere forniti per gli scopi previsti dalla legge.

ART. 13: MODIFICHE REGOLAMENTO INTERNO

Ai sensi delle disposizioni dello Statuto sociale, il Consiglio Direttivo può proporre all’Assemblea degli Associati eventuali modifiche del Regolamento Interno.

Data ultimo aggiornamento: 09/02/2023

Leggi anche il nostro Statuto